Frigorifero più efficiente in 7 mosse

Tutti sanno che il frigorifero di casa è uno degli elettrodomestici che consumano più energia elettrica,  con pochi semplici mosse potrai diminuire il suo impatto sulla bolletta e sull’ambiante rendendolo più efficentiente ed economico

 

1 Dietro il frigorifero ci sono la serpentina di raffreddamento e il compressore. Sono loro i responsabili del corretto funzionamento del tuo frigorifero. Pulirli bene almeno due volte l’anno migliora la loro efficienza e garantisce un minor consumo.

 

2 Se le porte del frigorifero non chiudono più che bene, il motore dovrà lavorare costantemente per mantenere la temperatura bassa e consumerà molta più energia. Per capire se le guarnizioni della porta del tuo frigorifero sono ancora buone, sistema un foglio di carta mentre chiudi la porta, poi cerca di toglierlo a porta chiusa. Se fai fatica a toglierlo va tutto bene, altrimenti devi sostituire le guarnizioni.

 

3 Quando scegli un nuovo frigorifero opta se puoi per un frigorifero con il sistema no-frost. Sono magari un po’ più costosi, ma molto più efficienti perché questa tecnologia impedisce l’accumulo di umidità, la formazione di ghiaccio e consente di ristabilire molto velocemente la temperatura interna del frigorifero dopo l’apertura.

 

4 Se non hai un frigorifero con tecnologia no-frost, ricorda di sbrinare il frigo almeno due volte l’anno. Più lo strato di ghiaccio nel freezer è spesso e peggiori saranno per performance del tuo frigorigero. Questo avrà un impatto sia sulla qualità di conservazione dei cibi che su consumo di elettricità.

 

5 Non usare mai il frigo come fosse un abbattitore di temperature per i cibi caldi e non riporre mai cibi ancora tiepidi per fare prima. Si tratta di due cose che non solo ti faranno consumare più energia, ma che possono interferire con la conservazione degli altri cibi perchè aumenta la probabilità di proliferazione di batteri.

 

 6 Il retro del frigorifero deve essere ad almeno una spanna dal muro. Posizionare il frigo troppo vicino al muro non facilita la circolazione dell’aria e contribuisce ad aumentare fino al 40% la quantità di energia utilizzata.

 

7 Un frigo non correttamente riempito consuma molto di più. Quindi non lasciare il frigorifero vuoto troppo a lungo e non stiparlo di cibo in modo eccessivo.

Frigorifero più efficiente in 7 mosse

Frigorifero più efficiente in 7 mosse

 

 

CALDAIA A CONDENSAZIONE: OBBLIGO DI INSTALLAZIONE E NORMATIVA

La direttiva Europea 2005/32/CE, o Eco-Design, introduce novità che hanno come obiettivo quello di rendere le abitazioni di tutta Europa più efficienti dal punto di vista energetico.

Una maggiore efficienza energetica permette di ridurre in modo drastico le emissioni di CO2 contribuendo alla salvaguarda dell’ambiente in cui viviamo

A partire dal 26 settembre 2015 i produttori europei non potranno più commercializzare caldaie che non siano a condensazione, insomma, le caldaie a condensazione saranno obbligatorie per tutti.

Le caldaie a condensazione consentono un risparmio energetico considerevole in quanto riescono a recuperare il calore che viene ceduto all’impianto di riscaldamento.

Il rendimento di queste caldaie raggiunge così anche una percentuale del 106%.

Caldaie a Condensazione

Caldaie a Condensazione

Le caldaie a condensazione inoltre possono essere utilizzate in abbinamento ai sistemi per lo sfruttamento delle energie rinnovabili.

Si tratta insomma di una novità che cambierà per sempre il modo di intendere il riscaldamento domestico.

Sul mercato sarà possibile trovare solo alcune caldaie non a condensazione. Stiamo parlando delle caldaie a camera aperta che potranno essere installate però solo ed esclusivamente in tutte quelle situazioni multifamiliari in cui la caldaia a condensazione non può trovare spazio a causa dei problemi alla canna fumaria collettiva che la sua installazione potrebbe comportare.

Gli apparecchi per riscaldare gli ambienti domestici iavranno una classificazione da A++ sino a G. Gli apparecchi per la produzione di acqua calda sanitaria avranno una classificazione che va da A a G.

Tutti gli apparecchi presenti sul mercato che hanno quindi ottenuto una classificazione inferiore a G non potranno più essere né prodotti né commercializzati.