La Legge di Stabilità 2015 ha prorogato, sino al 31 dicembre 2015, la detrazione fiscale per tutti gli interventi inerenti alla riqualificazione energetica degli edifici.

Il beneficio consiste in una detrazione lorda che è fatta valere sia sull’Irpef che sull’Ires. A partire dal 1° gennaio 2016 il beneficio passerà dal 65 al 36% per le spese che riguardano le ristrutturazioni edilizie. È stata aumentata, dal 4 all’8%, la percentuale della ritenuta di acconto sui bonifici che banche e poste devono operare all’impresa che effettua i lavori.

risparmio energetico detrazione fiscale milano

risparmio energetico detrazione fiscale milano

L’agevolazione fiscale è stata estesa anche all’acquisto e alla posa in opera di schermature solari, nel limite di 60.000, e di impianti di climatizzazione invernali dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, nel limite di 30.000 euro. La detrazione viene ripartita in dieci rate annuali, ognuna del medesimo importo, ed è applicata nel caso in cui le spese sono state sostenute per:

–       Riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento

–       Miglioramento termico dell’edificio

–       Installazione dei pannelli solari

–       Sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale

La detrazione massima cambia a seconda del tipo di intervento:

–      Riqualificazione energetica  – 100.000 euro

–      Involucro degli edifici – 60.000 euro

–      Installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda per usi domestici o industriali, in piscine, strutture sportive, case di ricovero e di cura, istituti scolastici e università– 60.000 euro

–      Sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale – 30.000 euro

–      Acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili – 30.000 euro solo per l’anno 2015

–      Interventi di sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria – 30.000 euro

Possono fruire del beneficio fiscale i titolari di un diritto reale sull’immobile, i condomini nel caso di interventi su parti comunali condominiali, gli inquilini e coloro che hanno l’immobile in comodato, i familiari conviventi con il possessore dell’immobile che è oggetto dell’intervento.

Nella detrazione fiscale rientrano i costi per i lavori edili relativi all’intervento di risparmio energetico e i costi per le prestazioni professionali necessarie per realizzare l’intervento e acquisire la certificazione energetica richiesta.

Attenzione: non è più previsto l’obbligo di effettuare la comunicazione all’Agenzia delle Entrare quando i lavori proseguono per più anni (Dlgs n. 175/2014 – semplificazioni fiscali).